Per ricevere informazioni inserisci il tuo indirizzo Email
 
       

 

 
LA CASA TERZA (ERIDANOSCHOOL) del 22/05/2011
 

In casa terza si completa il sistema nervoso, si collega al sistema muscolare. Si completano le interconnessioni fra i due lobi per cui diventa possibile stare in piedi, coordinare i movimenti e quindi camminare. Diventerà possibile anche il linguaggio. Due conquiste fondamentali per un bambino perchè poter passare dalla situazione di semi dipendenza ad una situazione di indipendenza è comunque un passaggio importantissimo. Quindi il movimento, la possibilità di camminare diventa la prova di desideri e motivazioni. Il bambino può finalmente conquistare ciò che desidera. Quindi è interessante notare che fino a quando manca questa coordinazione muscolare e nervosa, il bambino non può assolutamente concepire che possa esistere un desiderio organizzato perchè comunque non lo può finalizzare questo desiderio in quanto, comunque, il desiderio è legato all'azione. Azione e desiderio. Marte e Venere. Marte è il pianeta che può soddisfare il desiderio di Venere. In ogni caso senza l'azione, senza la capacità di scegliere cosa fare o la capacità di desiderare qualcosa non serve assolutamente a niente. Adesso ha la capacità di usare le mani, quindi di prendere, di afferrare, di toccare; comincia a portare le emozioni su un piano diverso e questa capacità di usare le mani preannuncia una 'volontà' del bambino...Durante la fase di casa terza il bambino individua tutta una serie di 'pezzettini' di sè e quindi si identifica nella parte curiosa, nella parte spaventata, nel bambino felice, dieci minuti dopo si identifica nel bambino rabbioso e la cosa importante di questo periodo è però il fatto che il bambino non riesce ancora a vedere che lui è tutte queste cose. Quindi ogni cosa è vissuta 'spezzettata'. Siccome è vissuta 'spezzettata' all'interno, è proiettata 'spezzettata' all'esterno. ...Quindi il Sè che è nato prima come vitalità, poi come corpo ora diventa un Sè relazionale che partecipa attivamente a tutto il mondo che c'è attorno. ...E'la classica fase mercuriale nella quale il bambino è affetto quasi da una forma di superpotenza. Non appena conquista la capacità di camminare il bambino si sente onnipotente. Ogni volta che il bambino si alza in piedi e comincia a camminare da solo ripete simbolicamente il gesto che noi abbiamo fatto quando ci siamo eretti in piedi. Quindi è una conquista del mondo. Vedere il mondo a quattro 'zampe' e vederlo a due è decisamente un'altra cosa. Quindi è realmente una conquista. Però, nello stesso tempo, lui comincia a fare i conti con la relatività. Tutto è relativo, cioè ogni conquista è relativa. Il bambino comincia a capire che all'interno di quell'ambiente in cui vive ci sono delle regole. E queste regole lui le deve rispettare...." 

 

 
Per informazioni vi preghiamo di Contattare
info@ilrisvegliocentrostudi.com

 

Torna indietro