Per ricevere informazioni inserisci il tuo indirizzo Email
 
       

 

 
FASE INFANTILE DI CASA IV^(CANCRO) del 07/07/2011
 

"Nella fase di casa quarta il bambino passa da una situazione di quasi rapporto esclusivo con la madre ad un allargamento della sua capacità di interazione. Il bambino interagisce e diventa capace di scambio vero a livello emotivo ed affettivo con il resto della famiglia per cui le figure diventano tre: il padre entra in pieno nella situazione della comunicazione e dell'interazione. Le idee si legano sempre di più al tessuto emotivo per cui il bambino è in grado di collegare ogni processo mentale alle emozioni che sente in quel preciso momento. Riesce a dividere le sue emozioni da quelle degli altri della sua famiglia quindi comincia ad essere in grado di percepire quando è lui ad essere arrabbiato e quando lo è la mamma. La fase di casa quarta è anche la prima fase importante per il discorso dello sviluppo dell'empatia. All'inizio della casa quarta tutte le emozioni che si trovano all'interno della famiglia sono legate. Quindi l'empatia che si sviluppa nelle tre case d'acqua (IV^,VIII^,XII^) deve fare tre fondamentali passaggi:


1° - Nel primo passaggio (IV^) spesso non si può neanche parlare di empatia vera e propria nel senso che il bambino è in grado di sentire perfettamente anche le emozioni degli altri però è fortemente contaminabile dalle emozioni degli altri così come le persone che sono 'ferme' a questo stadio o che hanno molti valori di casa IV^ (Cancro) tendono ad avere questa contaminazione rispetto alle emozioni di quelli che stanno attorno. Quindi hanno un'estrema sensibilità e 'sentono' moltissimo tutto quello che accade però tendono ad entrare in pieno nel circolo emotivo familiare senza sapere poi capire bene cosa 'è proprio' e cosa 'non è proprio'. Questo è ancora un livello di 'contagio'. Possiamo parlare di 'empatia' però è un'empatia molto grossolana. la vera empatia sarà la capacità di condividere, di immedesimarsi nell'altro, di sentire esattamente quello che sente l'altro comprendendo, però, che 'quella roba lì' è dell'altro e non propria. Significa che per arrivare a vivere veramente l'empatia sul piano adulto i due soggetti sono fortemente separati, che la persona ha compiuto tutti i passi di individuazione e quindi in grado di sentire tutto (percorso di XII^ casa) ma di non entrare in risonanza con tutto perchè altrimenti c'è di nuovo una difficoltà di confini che sono troppo labili. Ci vuole veramente un certo percorso per riuscire a scindere veramente tutto quello che prova l'ambiente da quello che provo io. ..."


 (Dal seminario: "Le case astrologiche e l'evoluzione dell'Io" di L.Fassio)

 

 
Per informazioni vi preghiamo di Contattare
info@ilrisvegliocentrostudi.com

 

Torna indietro