Per ricevere informazioni inserisci il tuo indirizzo Email
 
       

 

 
LA MIMOSA E LA GIORNATA INTERNAZIONALE DELLA DONNA del 06/03/2012
 

"Si è tentato in questi ultimi tempi di trasformare in una festa del consumo anche la Giornata Intern.le della donna. ..Nel nostro paese la Giornata inter.le della donna si celebra regolarmente soltanto dal 1945 per iniziativa dell'UDI che l'8 marzo si riunirono nella sala grande del liceo Visconti, a Roma,insieme con le cattoliche del Centro italiano femminile, e con vedove di caduti, partigiane..., sindacaliste. ..Solo nel 1946, conclusa la guerra, l'8 marzo fu celebrato in tutta Italia. "Ci voleva dunque un fiore reperibile agli inizi di marzo" ha narrato Marisa Rodano "poiché all'epoca le serre erano poche e non arrivavano fiori in aereo da ogni parte del mondo in tutte le stagioni come succede ora. A noi giovani romane vennero in mente gli alberi coperti di fiori gialli, quando ancora le altre piante erano spoglie, che crescevano rigogliosi in tanti giardini di Roma e dei Castelli"....E la scelta casuale fu felice anche simbolicamente perché la mimosa simboleggia per tradizione il passaggoo dalla morte a uno stato di luce: emblema dunque di rinascita, di vittoria."


INOLTRE:
Secondo il Cattabiani è assolutamente falsa la leggenda che la Giornata Inter.le della donna sia stata fissata in ricordo di 129 operaie che in quel giorno nel 1908 persero la vita in un incendio di una fabbica americana. Sembra, invece, che. " Furono la I^guerra mondiale e la Rivoluzione bolscevica a imporre l'8 marzo. Il 23 Febbraio 1917 a Pietroburgo, in occasione della Giornata Int.le della donna ( in atto in vari stati) operaie e mogli di soldati manifestarono per le vie chiedendo pane per i loro figli e il ritorno dei mariti dalle trincee. Alcuni anni dopo, il 14 giugno 1921, la II^Conferenza inter.le delle donne comuniste, riunita a Mosca, adottò l'8 marzo come 'giornata internazionale dell'operaia in ricordo del "giorno della prima manifestazione delle operaie di Pietroburgo contro lo zarismo". Ora...nella Russia zarista vigeva ancora il calendario giuliano, sfasato rispetto a quello occidentale, il gregoriano, di 13 gg: sicchè il 23 febbraio corrispondeva in Occidente all'8 Marzo, data che venne poi adottata universalmente."
(A. Cattabiani da: Calendario)

 

 
Per informazioni vi preghiamo di Contattare
info@ilrisvegliocentrostudi.com

 

Torna indietro